La parte di niente in tutti gli store ( e un board su Pinterest a celebrare)

don-delillo-2-sized Il nuovo eBook di Angelo Ricci è da oggi disponibile in tutti gli store on line, lo trovate qui,  e anche qui e qui.

Un testo che sorprende in ogni riga, che porta lontano, che stupisce, l’inizio di una trilogia, certo, ma perfettamente fruibile autonomamente, anzi, nato per essere autonomo ma rimasto invischiato, collegato, avvolto da una rete di rimandi, di ritorni e di partenze, di punti che sembrano di arrivo ma che poi sorprendono e non lo sono. Un thriller, a noi del collettivo errante è parso un thriller di narrativa, storia della critica letteraria, analisi del contemporaneo, il tutto mixato in una narrazione che appassiona senza permettere che, neanche un minuto, l’attenzione si possa perdere, si possa neppure per un istante smarrire. Da oggi esiste anche un board su Pinterest che darà spazio a tutta la “ragnatela”  che si trova intorno e accanto a ambizioso lavoro, “oggetto narrativo digitale appassionante”, storia fatta di storie, che da oggi trovate in  tutti gli store e che l’autore descrive con queste parole, fra le altre:

…Gli autori soprattutto. Borges, Bolaňo, DeLillo. Tripartizione sacrale, riflesso di tripartizioni alla Dumézil, alla Guenon, alla Gurdjieff. I film, istante infinito di relazioni narranti. Under fire, di Roger Spottiswode. Scorpio rising, di Kenneth Anger. Motorpsycho!, di Russ Meyer. Il seme della follia e La fin absolue du monde, di John Carpenter. I libri, universo totalizzante, fine e principio di ogni cosa. 2666, Stella distante, Consigli di un discepolo di Jim Morrison a un fanatico di Joyce, di Roberto Bolaňo (il terzo con A.G. Porta). Ossa nel deserto, di Sergio González Rodríguez. Il pendolo di Foucault, di Umberto Eco. Hitler e il nazismo magico, di Giorgio Galli. Il mattino dei maghi, di Pauwels e Bergier. Prima delle nazioni. Popoli, etnie e regni fra Antichità e Medioevo, di Stefano Gasparri. Gli Adelphi della dissoluzione, di Maurizio Blondet. Storia dell’impero bizantino, di Georg Ostrogorski. Hollywood Babilonia, di Kenneth Anger. In viaggio con la zia, di Graham Greene. Il buon soldato, di Ford Madox Ford. Leviathan, di Julien Green. Great Jones Street e Running dog, di Don DeLillo. L’onorevole scolaro, di John Le Carré. Dissipatio H.G., di Guido Morselli. L’Aleph e Finzioni, di Jorge Luis Borges. Á rebours, di Joris Karl Huysmans. Z, La guerra dei narcos, di Diego Enrique Osorno. Riviste anni ’90, l’altro spazio della nuova narrativa, di Piersandro Pallavicini. Tutto il ferro della torre Eiffel e Fantasmagonia, di Michele Mari. cose (mai) dette: fuori orario di fuori orario, di Enrico Ghezzi. Citazioni, rimandi, riflessi, influenze. Senza soluzione di continuità.

Cover Angelo Ricci

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: