archivio

digital exploration

 aclassificaQuesta è la classifica fino al 17 aprile 2015 nella sezione Critica letteraria del  Net ebookstore di Mediaworld. Al quarto posto ANCORA  Borges aveva un tumblr nell’edizione “frammento “di Angelo Ricci . Che si dimostra autore dai successi lunghi e duraturi. Un vero Long Seller digitale di cui andiamo fieri. Lo trovate, ad esempio, in una piattaforma tedesca, qui o, in italiano qui, fra le altre piattaforme. L’opera, anticipatrice del testo completo “Borges aveva un tumblr” è del 2012 ma ha un successo che perdura nel tempo, e molti, in questi anni si sono complimentati per la formula che anticipa con una  versione “assaggio” il testo definitivo.

Borgesù

Del testo definitivo, questo ( disponibile in tutti i formati e non solo nel Kindle Store) si è parlato molto, è diventato un vero e proprio piccolo “classico” del genere.  Nel blog “Libertà di parola” è stato perfettamente inquadrato il senso e lo scopo e ci fa piacere riportarlo qui

Borges aveva un Tumblr
Di Angelo Ricci
76 pagine, Errant editions
E-book

Pubblicato solo in e-book, questo scritto rappresenta l’inno alla letteratura digitale, da postare il più possibile sui social network.
Sì, assolutamente sì alla comunicazione intesa come post, perché offre al lettore la possibilità di interagire.
Tutto, secondo l’autore, si può trasformare in un post, dalla pubblicità, all’informazione, alla letteratura. Certo, anche alla letteratura, perché no?
Qualsiasi scritto potrebbe entrare in tutte le case, e in ogni scritto può essere contenuto un link, per guidare al lettore a una nuova lettura, una nuova notizia, una nuova idea. In questo modo, non ci sarebbero limiti alla diffusione non solo del sapere, ma anche dei pensieri, della trasmissione delle storie.
Come esempio, vengono raccontate in maniera molto concisa alcune storie che si prestano come spunto ad ampie e profonde considerazioni: un racconto di amore e guerra e una storia in cui si intravede uno zampino misterioso. Incredibile come l’autore riesca a trasmettere emozioni forti in poche righe. Proprio come se scrivesse un post, da diffondere, commentare, ampliare con commenti e altre notizie.
Non solo un libro quindi, ma anche l’invito ad un nuovo sistema di scrittura e quindi, di lettura. Da provare.

Di Angelo Ricci è in prossima futura uscita il terzo ebook della trilogia “La parte di Niente” e una uscita speciale che la conterrà tutta. Continuate a seguirci, state con noi.

“Ho esordito nel 2008 e ho pubblicato parecchio. Ho avuto come editori Manni, Perrone Lab, Sottovoce, Errant Editions, l’Officina Marziani di Antonio Tombolini Editore. Mi considero uno “stagionale” della letteratura, un po’ come quei camerieri che non hanno un posto fisso, ma che lavorano quando li chiamano, ai ristoranti delle fiere, dei congressi, delle convention. Scrivo quando posso, quando ne ho voglia. Ogni tanto trovo un editore a cui piace quello che scrivo e che decide di pubblicarlo. Tutto qui. ” Angelo Ricci ha continuato a pubblicare, a recensire, a esplorare, a portare avanti e oltre i confini delle scritture e delle storie. E quest’anno, concluderà la pubblicazione della sua Trilogia.  Solo un po’ di pazienza.

http://nottedinebbiainpianura.blogspot.it/

http://officinamarziani.it/scrittori/angelo-ricci/

CatturaCover RICCI(…gallizio è un laboratorio di talenti raccolti intorno alla sfida di inventare una nuovo modalità di scrittura per il digitale. Se con monitor e display abbiamo disimparato a leggere, l’unica è reimparare a scrivere. Non un editore dunque, gallizio, ma una fionda per scrivere, per creare non tanto un genere letterario ma un possibile senso del mondo)

 

Questo è solo un piccolo frammento di un post scritto da Angelo Ricci che ritroviamo in un luogo a lui (e a noi erranti) assai gradito e congeniale, il #gallizioLab. E il pezzo di Angelo è un estratto da “La parte di niente II” (scaricabile qui, ad esempio), parte di una trilogia di cui possediamo già la parte conclusiva, la terza, in uscita prossimamente in un futuro calibrato e armonizzato con altre scritture e altre narrazioni che Ricci, vice direttore editoriale di Errant Editions, compie, con un surf abile e mai scontato su onde variabili e affascinanti, fra Officine e Laboratori, con questo suo essere parte integrante di questo nostro collettivo transnazionale, spurio, linguisticamente eterogeneo, affascinante sfida continua, work in progress come si potrebbe dire, alla ricerca di confini da dimenticare o da ripensare e rivedere, colorare, ristrutturare, polverizzare e..

buona lettura

Nice ville coverOggi è uscita una bellissima recensione su questo racconto di Angelo Ricci, uscito nella nostra collana Gare/Stations e davvero molto molto bello. La recensione è di Roberta de Tomi e si può leggere qui

Davvero un grande momento per il nostro vice direttore editoriale, di cui è appena uscito Sette sono i re per l’Officina Marziani di Antonio Tombolini editore. (di che cosa si tratta potete leggerlo qui )

corpo linguaggioUna nuova collana. Su Focusing, linguaggio del corpo, e altro. Temi attuali, che interessano e coinvolgono, ci stiamo lavorando. Voi cosa ne pensate?

Qui un interessante articolo di approfondimento
Se avete idee o proposte su questo tema specifico, scriveteci a erranteditions333@gmail.com

aerrantUn bellissimo articolo su di noi, sul collettivo, su come siamo nati e sul nostro progetto editoriale è uscito domenica, in occasione della nostra partecipazione alla Fiera del Libro della Romagna.

 

aeventoL’incontro, con Carla Casazza, Ermanno Bartoletti e Maurizio Nanetti di Legatoria Montanari e Angelo Ricci con uno stupendo collegamento telefonico è stato molto piacevole e stimolante. C’erano i manufatti di legatoria del progetto MICROTIRATURE di cui presto vi racconteremo varie cose (anche come averli, per chi li vuole)

Presentarci in pubblico, spiegare i nostri progetti futuri, unire analogico e digitale, raccontarci, ci piace, quasi quasi ci prendiamo gusto, presto nuovi appuntamenti, grazie di cuore a chi c’era.

 

per progetti e proposte la mail è sempre

errantedition333@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: